Si è spento Giuseppe Trenti

Il 30 aprile è deceduto, nel Policlinico di Modena dove era ricoverato da tempo per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute, Giuseppe Trenti, alla vigilia del suo cinquantennio di appartenenza al Centro (nato nel 1933, era socio corrispondente dal 1971 ed effettivo dal 1984).
I funerali si svolgeranno lunedì 4 maggio nella forma strettamente privata che le norme attuali impongono, e si concluderanno con la tumulazione nella tomba di famiglia a Vignola.
Non è il caso di ripercorrere qui le sue infinite benemerenze come “ufficiale di sala” all’Archivio di Stato di Modena, impareggiabile conoscitore di tutti i fondi ed esploratore incessante di quelli relativi all’abbazia di S. Pietro e al periodo estense. Dalle sue schede sono usciti libri e cataloghi preziosi, ultimo dei quali il glossario Voci di terre estensi (Fondazione di Vignola-Aedes Muratoriana, 2008). In campo muratoriano, tra le opere a stampa ricordiamo intanto il saggio (con A. Spaggiari) L.A. Muratori e gli Estensi, inventario delle carte muratoriane nell’Archivio Segreto Estense, che uscì nel volume X della «Biblioteca del Carteggio» (1996, pp. 1-13).
Ma soprattutto, a Trenti si devono le prime trascrizioni di tutte le lettere ricevute da Muratori, in servizio della nuova edizione nazionale del Carteggio promossa dal suo storico direttore d’Archivio Filippo Valenti. Chi ha dimestichezza col lavoro d’edizione conosce bene i fogli dattiloscritti in copie-carbone, originati da sue dettature al magnetofono poi passate a una dattilografa, con correzioni manoscritte, che per decenni sono stati ingrediente essenziale per gli editori ufficiali dei volumi.
Tra i quali figura anche lo stesso Trenti, che avrebbe desiderato curare il modenese Gherardi (finito poi in altre mani), e invece ebbe il reggiano Nicola Tacoli, protagonista di uno dei rari carteggi equilibrati fra missive e responsive, anche grazie alla valorizzazione di un fondo privato. E non solo: il volume Tabacco-Tafuri (1987) fu il primo a inaugurare la nuova serie di carteggi, ospitando per la prima volta l’indice delle opere citate.
Non molti anni fa Trenti offrì la sua disponibilità per riprendere quel lavoro, il che gli fu però impedito da un grave deterioramento della vista e dall’altro immedicabile malanno che l’ha poi portato alla morte. Ma possiamo ben dire che «Pino» fino all’ultimo ha combattuto la sua battaglia, anche per Muratori.

Notizie

è uscito

MURATORIANA online

2020 numero speciale

"L'uomo, se non teme fatica, può far di gran cose".

 Studi muratoriani

in onore di Fabio Marri

L'ARCHIVIO MURATORIANO

è consultabile sul web

Intervista con Muratori

GUARDA IL VIDEO

Centro di studi muratoriani
Segui il Centro in academia.edu
Lodovico Antonio Muratori Unità d'Italia 150 anni

  

Muratori e l'idea di Nazione italiana

 

di Fabio Marri