La gloria di Muratori poco si addice a Modena, di Fabio Marri.
Introduzione al quarto numero del periodico "Muratoriana online" edito nel 2014.

Introduction to the fourth issue of the magazine "Muratoriana online" published in 2014.
MOL 2014_Marri_Editoriale.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.2 MB

Se, nella città dove Muratori operò per quasi tutta la vita, il compito di diffonderne gli scritti e il pensiero pare ristretto quasi solo al Centro di studi muratoriani, fortunatamente altre benemerite associazioni che si occupano della cultura settecentesca richiamano spesso, e per buone ragioni, il nome di colui che papa Benedetto XIV definiva il “vero ed unico  onore della nostra Italia”. Tra essi, si segnala l’attivissimo Comitato per l’edizione nazionale delle opere di Antonio Vallisnieri: nelle sue numerose pubblicazioni il Vignolese ha un ruolo di primo piano. Non meno impegnato in questo campo è il veronese Centro di ricerca sugli epistolari del Settecento (CRES), che da un originario (e tuttora preminente) interesse per Scipione Maffei si è allargato a uno sguardo globale sugli scambi letterari nell’Italia e nell’Europa del XVIII secolo. Notevoli anche le ricerche, edite nell’ultimo decennio, sui tanti eruditi che spesso a Muratori si ispirarono o ebbero con lui un fecondo rapporto, come Apostolo Zeno (e il suo “Giornale de’ Letterati d’Italia”), Francesco Saverio Quadrio, Bernardo Trevisan, Antonio Conti, con vari altri. La recente digitalizzazione dell’intero Archivio Muratoriano della Biblioteca Estense Universitaria, e i crescenti consensi che i lavori del nostro Centro suscitano all’esterno, lasciano ben sperare in un positivo proseguimento degli studi nel campo che ci è caro.

 

If, in the city where Muratori worked for most of his life, the task of spreading writings and thought seems restricted almost exclusively to Centre for muratorian studies, fortunately other worthy organizations dealing with the eighteenth-century culture often evoke, and for good reasons, the name of the man that Pope Benedict XIV defined the “true and unique honor of our Italy”. Among them, we note the active Committee for the national edition of Antonio Vallisnieri’s works: in these numerous publications Muratori has a leading role. No less engaged in this field is the Research Centre on correspondence of the eighteenth century (CRES, Verona), that from an original (and still outweighs) interest in Scipione Maffei has widened to a global look on literary exchanges in Italy and Europe in the eighteenth century. Also notable is the research, published over the last decade, on the many scholars who often at Muratori were inspired or had a fruitful relationship with him, as Apostolo Zeno (and his “Giornale de’ Letterati d’Italia”), Francesco Saverio Quadrio , Bernardo Trevisan, Antonio Conti, & various others. The recent digitization of whole Muratorian Archive (Archivio Muratoriano, in Estense Universitaria Library, Modena), and the growing consensus that the work of our Centre arouse outside, bodes well for a successful continuation of studies in the field so dear to us.


Notizie

Il Centro di studi muratoriani si stringe attorno al suo vicepresidente,

Gabriele Burzacchini,

per la scomparsa della moglie Silvana avvenuta lo scorso 26 novembre.

L'ARCHIVIO MURATORIANO

è consultabile sul web

Intervista con Muratori

GUARDA IL VIDEO

Centro di studi muratoriani
Segui il Centro in academia.edu
Lodovico Antonio Muratori Unità d'Italia 150 anni

  

Muratori e l'idea di Nazione italiana

 

di Fabio Marri